Grest

GREST

La storia del GREST a Fiera
Il Grest a Fiera è nato verso la metà degli anni ‘50, del secolo scorso, per volontà del cappellano, di allora, don Bruno Torresan, sempre attento ai bisogni dei ragazzi e giovani.
Il Grest era, e lo è tutt’ora, un’occasione per stare insieme e vivere nel periodo estivo un’esperienza significativa di gioco, divertimento, preghiera all’ombra del campanile e rafforzare, così, l’amicizia sia tra ragazzi che con Gesù.
All’epoca, i bambini e i ragazzi che non andavano in vacanza erano molti e trovavano nel Grest il luogo dove vivere le proprie giornate in compagnia dei loro amici condividendo nella semplicità i mesi estivi.
Il Grest durava due mesi – luglio e agosto – mattina e pomeriggio – dove i bambini e i ragazzi si divertivano nelle diverse attività proposte (pittura, lavori con il legno, ricamo, costruzione di aquiloni…) e nei tanti giochi che coinvolgevano le squadre (uno fra tutti “palla base”). C’era sempre una sana e gioiosa competizione per arrivare a vincere il premio di migliore squadra del Grest.
In agosto, poi, c’erano le “Grestiadi” dove i singoli e le squadre si cimentavano nelle varie specialità di atletica: corsa, staffetta, salto in lungo, marcia e addirittura corsa campestre. Una grande gioia vedere il campetto dietro la chiesa trasformato in un campo di atletica! Non mancavano certo le premiazioni con le relative medaglie, oro argento e bronzo.
Con il passare del tempo il Grest ha cambiato solo il periodo ma non lo spirito. Da qualche anno si svolge all’inizio dell’estate, subito dopo la fine della scuola, solitamente nelle ultime tre settimane di giugno.

Il tema
Ogni anno il Grest ha un tema diverso, proposto dal NOI diocesano, e, attraverso una storia, i giochi, le canzoni e tutte le attività di animazione, i bambini vengono guidati alla scoperta della Parola di Dio rendendola concreta tramite tutte le esperienze che vengono fatte insieme.

I laboratori, i giochi e le uscite
Durante il pomeriggio, prima dei giochi di squadra, i bambini e i ragazzi si mettono alla prova nei vari laboratori proposti. Il laboratorio è un’attività scelta da ciascuno di loro dove possono esprimere in modo attivo la propria personalità, i propri talenti e dove possono costruire vari oggetti utilizzando tecniche e materiali che, a volte, difficilmente avrebbero la possibilità di adoperare. È un luogo divertente e adatto a sperimentare semplici regole di vita sociale: la collaborazione, il rispetto degli altri e del valore dei materiali utilizzati. Ci sono laboratori artistici, teatrali e musicali, all’interno dell’oratorio, ma anche laboratori sportivi, all’aperto.
Il gioco è fondamentale all’interno del Grest. È una delle attività principali dove i ragazzi affrontano le grandi sfide. La creatività, la collaborazione, la costanza, il rispetto delle regole, l’avere un obiettivo… tutto nella massima lealtà e nella sana competizione.
Le uscite, inoltre, permettono di conoscere posti nuovi e di divertirsi in compagnia. Possono essere di mezza giornata, quindi in “sostituzione” delle attività pomeridiane e solitamente in parrocchia stessa, ma anche dell’intera giornata, al mare o in montagna, al parco acquatico o all’Acropark.

Gli animatori
Tutto questo però non sarebbe possibile se non ci fossero gli animatori!
Il gruppo animatori è composto da ragazzi e ragazze, dai 14 anni in su, che si mettono al servizio dei più piccoli non solo per le settimane in cui si svolge il Grest ma spendendosi anche nei mesi precedenti per ideare, creare e organizzare i giochi e le varie attività di animazione. La preparazione del Grest è per gli animatori un momento di crescita personale in cui mettersi in gioco e tirar fuori i propri talenti per poi donarli agli altri. Per questo, l’animatore si impegna a partecipare agli incontri formativi che vengono proposti prima di iniziare l’attività diretta con i bambini.

Gli adulti
Assieme agli animatori c’è un bel gruppo di adulti che coordinano, assieme al parroco, tutte le attività, i laboratori, le uscite e tutto il necessario per rendere il Grest un’esperienza positiva per tutti, edificante per gli animatori, divertente per i bambini, sicura per i genitori.

La festa finale
Non può mancare l’evento conclusivo da tutti atteso: la serata finale.
Già all’inizio di ogni Grest si inizia a parlare della serata finale come di un evento da preparare con cura affinché diventi un momento speciale per tutti.
Vengono invitati tutti: genitori, fratelli e sorelle, nonni e nonne, amici e parenti perché durante la serata finale si possono vedere gli sforzi fatti durante le settimane di Grest.
Gli animatori, assieme ai ragazzi, preparano la scenografia, usando la tecnologia per creare giochi di luce, mixando suoni e musiche, così da dare risalto ai meravigliosi bambini e ragazzi che hanno partecipato al Grest.
E come dice una vecchia canzone del Grest… “Grest Grest Grest tu sei il migliore, Grest Grest Grest non vogliamo andare via”.

Serata finale del Grest 2017

I commenti sono chiusi