Chiesetta di san Luca

La CHIESETTA di SAN LUCA al GESCAL

 

La chiesa di san Luca al Villaggio Gescal

Vicende storiche ed edilizie

La chiesetta di san Luca al Gescal viene eretta per volontà del parroco di allora, don Giovanni Foschini, per offrire un servizio religioso al nuovo quartiere che stava nascendo.

Siamo nei primi anni ’70 del secolo scorso ed il quartiere di Sant’Ambrogio di Fiera di Treviso si stava ingrandendo velocemente per effetto dell’esodo dalle campagne di tante persone. La ricerca di un alloggio adatto e ad un costo limitato ha impresso un notevole impulso all’edilizia popolare. Quindi, l’Ente GESCAL, che ha sostituito il “vecchio” INA-CASA, in accordo con il comune di Treviso, ha ritenuto idoneo il terreno a nord del quartiere per costruire i nuovi alloggi, creando, di fatto, una nuova frazione, un nuovo villaggio.

Il nuovo villaggio, chiamato poi comunemente “Villaggio Gescal”, ospitò inizialmente ben 192 famiglie nei vari appartamenti costruiti su più palazzi, per un totale di circa 800 nuovi abitanti che fecero salire a 5800 il numero totale dei residenti a Fiera.

Se viale IV Novembre e via Postumia, che tagliano in due la parrocchia, fossero diventati il naturale confine divisorio, allora il quartiere avrebbe potuto avere due parrocchie di circa 3000 abitanti ciascuna. La domanda, in quegli anni fu molto pressante: una o due parrocchie? Il vescovo di allora mons. Antonio Mistrorigo era molto propenso di creare una nuova parrocchia ma il parroco don Giovanni Foschini, con grande lungimiranza e molta cautela, dopo attente considerazioni, decise di non creare la seconda parrocchia.

Comunque, fin da subito si sentì molto forte l’esigenza di costruire una cappella per celebrare la messa, per tenere il catechismo e per poter fare alcuni incontri.

L’unico problema, ma molto grosso, era la mancanza di fondi per poter procedere celermente alla costruzione di una chiesa, seppur piccola ma decorosa. Quindi, don Giovanni chiese a tutti i parrocchiani che la loro opinione, le osservazioni, le critiche, i suggerimenti fossero scritti, servendosi anche della busta che sarebbe stata inviata a tutte le famiglie per raccogliere l’offerta di Natale del 1973.

C’era anche il problema della necessità della presenza di altri sacerdoti ma don Giovanni Foschini scrisse ne “La Voce di Fiera” di quel Natale “ma il problema riguarda il Vescovo per mandarli e noi per chiederli al Signore con la preghiera, visto che ormai i preti sono rimasti in pochi. Intanto alle nuove famiglie che presto arriveranno tra noi, porgiamo il nostro fraterno e cordiale benvenuto”.

Arrivarono 67 risposte con parere favorevole e 18 contrari. Il Consiglio Parrocchiale collaborò con il parroco per risolvere tutti i problemi, burocratici ed economici. Intanto fu assegnata anche l’area per le opere parrocchiali: circa 14000mq delimitata dalle nuove strade, che poi presero il nome di via Leonardo da Vinci e di via Umberto Saba, e via Sambugole.

La chiesa di san Luca al Villaggio Gescal nel 1975

Si pensò di costruire anche una sala che potesse essere destinata a vari usi parrocchiali. Difficoltà di vario genere, l’urgenza di far presto per l’imminente arrivo delle nuove famiglie e l’impossibilità di superare la spesa prevista costrinsero il parroco ed il Consiglio a pensare ad un prefabbricato.

Nel dicembre del 1974, don Giovanni Foschini, un po’ rammaricato del fatto che non si fosse ancora costruito, riportava nel bollettino parrocchiale questa frase: “A tutte le famiglie arrivate in questi mesi diamo il nostro cordiale benvenuto e auguriamo loro di vivere con noi in amicizia fraterna. Avremmo voluto che trovassero la nostra comunità cristiana pronta ad una grande accoglienza, ma tante difficoltà non ce l’hanno acconsentito. Confidiamo, però, che ci aiuteremo vicendevolmente a crescere come una vera comunità di fede e di carità fraterna”.

L’idea del prefabbricato diventa, ormai, certezza. In effetti nei primi mesi del 1975 la cappella prefabbricata è già in allestimento, con la speranza di averla disponibile in breve tempo.

La visita alle famiglie del nuovo quartiere, in occasione della benedizione pasquale, ha fatto sentire al parroco il vivo desiderio di avere presto la cappella, sia per la santa messa che per il catechismo. Il parroco stesso si esprime in questo modo: “Fa piacere sentire che moltissimi s’interessano per sapere come stanno le cose, manifestando la loro volontà di collaborare”.

 

La gente che esce dalla santa Messa del 1° novembre 1975

Si sente il suono delle campane

Il suono delle piccole ma bene concertate campane, sentito per la prima volta, ha creato un po’ di commozione in tutti gli abitanti del nuovo “Villaggio Gescal”. Sembrava quasi che, d’improvviso, si fosse compiuto un disegno prestabilito. Infatti il villaggio non poteva rimanere senza una cappella. Solo in questo modo era veramente completo.

La cappella prefabbricata è stata ultimata dopo l’estate del 1975 ed è stata funzionante già dalla festa del 1° novembre dello stesso anno. In realtà, mancavano ancora alcune rifiniture che sarebbero state, dopo poco, completate.

La santa messa veniva celebrata al giovedì, al sabato e alle vigilie di tutte le feste di precetto alle ore 19, mentre la domenica era alle ore 10.30. Oggi, invece, la messa domenicale è alle ore 8.45

 

Cappella di San Luca

L’interno della chiesa di san Luca

Il santo titolare della nuova cappella è San Luca. Le millenarie Fiere di San Luca, che in ottobre di ogni anno riempiono il Prato Fiera, hanno suggerito il nome del protettore per il nuovo villaggio.

La struttura è rettangolare, molto semplice e sobria, con un’ampia navata e, dietro la parete dell’altare, una stanza adibita a sacrestia.

La cappella è stata abbellita con varie statue, quadri e foto, tra le quali troviamo: in angolo a sinistra una piccola statua del Sacro Cuore di Gesù; sulla parete sinistra, un quadro raffigurante il Cristo; in angolo, una bella statua della Madonna; sulla parete dietro l’altare, un crocifisso in legno e una foto di san Pio da Pietrelcina; sulla parete destra, una riproduzione di un quadro raffigurante san Giovanni Antonio Farina (vescovo di Treviso e poi di Vicenza, fondatore della congregazione delle Suore Maestre di Santa Dorotea, figlie dei Sacri Cuori, beatificato nel 2001, è stato proclamato santo da papa Francesco nel 2014), una foto di santa Maria Bertilla Boscardin e una riproduzione di un quadro raffigurante il Beato Andrea Giacinto Longhin.

La statua della Madonna

Il Crocifisso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella parete dietro l’altare trova posto anche un quadro raffigurante il santo titolare: san Luca evangelista. Il dipinto è stato eseguito da Lidia Salvagno Neso (in arte Lisane), una pittrice di Fiera. Il quadro, richiesto da un gruppo di persone del Villaggio, è stato collocato il 18 ottobre 1980, in occasione della festa dell’Evangelista, esattamente cinque anni dopo la costruzione della chiesa. San Luca appare coperto da un ampio manto verde su veste rossa. Con la mano destra tiene due pennelli poiché, secondo la tradizione, egli era anche pittore, oltre che scrittore e medico. Ai piedi del Santo si trova il vitello, simbolo immancabile del suo vangelo.

San Luca dipinto da Lidia Salvagno Neso, in arte Lisane.

I commenti sono chiusi